|

Area News

martedý 15 ottobre 2019

Per il cuore, su con le fibre!

Ne bastano 30 g al giorno

I ricercatori hanno studiato 200 adulti con T2DM e ipertensione che hanno aumentato il loro apporto dietetico di fibre per un periodo di 6 mesi dal 20% al 25%. I partecipanti hanno anche aderito a una dieta a basso contenuto glicemico.
Coloro che aderivano ai cambiamenti nella dieta avevano un miglioramento significativo nella velocità del sangue polso/caviglia, ipertensione sistolica e diastolica, colesterolo totale, colesterolo LDL e glucosio a digiuno.
 
Un basso apporto di proteine, fibre, vitamine e minerali e un alto apporto di carboidrati e grassi sono associati a un'elevata probabilità di avere una coronaropatia e un aumento del consumo di fibre alimentari è "ampiamente raccomandato" per migliorare la salute.
 
Lo studio ha monitorato l'assunzione di fibre di 200 individui (età media, 49,8 ± 12,1 anni) con ipertensione e T2DM che erano in sovrappeso, definito come un indice di massa corporea (BMI) superiore a 26 kg / m 2, per un periodo di 6 mesi.
I partecipanti hanno ricevuto controlli al basale, 3 mesi e 6 mesi dopo aver iniziato il loro regime dietetico, che consisteva in un intervento a basso contenuto di grassi e ricco di fibre.

Le linee guida del National Institute of Nutrition e dell’Indian Council of Medical Research raccomandano un apporto giornaliero di fibre di 40 g / 2000 kcal, e i partecipanti allo studio, il cui apporto calorico era compreso tra 1200 kcal e 1500 kcal, avevano un consumo giornaliero di fibre di 24- 30 g.

I partecipanti hanno ricevuto un'educazione comportamentale e nutrizionale, comprese informazioni sulle dimensioni delle porzioni e raccomandazioni per aumentare il consumo di verdure, frutta, cereali e legumi ricchi di fibre da dietologi certificati che hanno fornito le informazioni attraverso sessioni regolari di consulenza e hanno anche usato gli aiuti audiovisivi per aumentare e rafforzare la comprensione dei partecipanti.

L'assunzione di fibre è stata tracciata attraverso numerosi canali diversi. Ai pazienti è stato chiesto di inviare al ricercatore fotografie dei loro pasti su WhatsApp, che non solo hanno contribuito a verificare l'assunzione di fibre, ma anche a dimensioni approssimative delle porzioni. Inoltre, i partecipanti hanno ricevuto telefonate tre volte a settimana che servivano per accertare il loro richiamo dietetico.

La dieta ricca di fibre era associata a significativi miglioramenti in diversi marcatori chiave del rischio cardiovascolare (CV).

Il meccanismo di base della fibra è quello di ridurre il colesterolo complessivo legandosi con le particelle di colesterolo nel sistema digestivo e spostandole fuori dal corpo prima che vengano assorbite.

Una dieta ricca di fibre aiuta anche nella sazietà precoce e questo aiuta a ridurre le porzioni di dieta e ad abbassare definitivamente la glicemia. Inoltre, una dieta ricca di fibre mantiene l'intestino sano e promuove una buona evacuazione.


Fonte: American College of Cardiology (ACC) Middle East Conference 2019 and the 10th Emirates Cardiac Society Conference: Abstract P538. Presentato il 3 Ottobre 2019.