|

Area News

giovedý 16 aprile 2020

Uova si, ma...

Un uovo al giorno non aumenta il rischio CV

Gli autori della revisione sistematica hanno analizzato i dati di 3 studi: il Nurses 'Health Study (NHS, 1980-2012), NHS II (1991-2013), Health Professionals' Follow-Up Study (HPFS, 1986-2012).
 
I partecipanti includevano 83 349 donne del NHS, 90 214 donne del NHS II e 42.055 uomini di HPFS che erano liberi da malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e cancro al basale.
Inoltre 32 anni di follow-up (> 5,54 milioni di anni-persona), sono stati identificati 14 806 partecipanti con malattia cardiovascolare incidente nelle tre coorti (infarto miocardico non fatale, cardiopatia coronarica fatale e ictus).
I partecipanti con un più alto consumo di uova avevano un indice di massa corporea più elevato, avevano meno probabilità di essere trattati con statine e consumavano più carni rosse. La maggior parte delle persone consumava tra una e meno di cinque uova a settimana. 
 
Nell'analisi raggruppata multivariata, il consumo di almeno un uovo al giorno non era associato al rischio di malattia cardiovascolare incidente dopo aggiustamento per stile di vita aggiornato e fattori dietetici associati all'assunzione di uova. 
 
Nella meta-analisi aggiornata degli studi di coorte prospettici (33 stime di rischio, 1 720 108 partecipanti, 139 195 eventi di malattie cardiovascolari), un aumento di un uovo al giorno non era associato al rischio di malattie cardiovascolari (risultati simili per malattia cardiaca e cerebrovascolare).
In analisi stratificate per posizione geografica, non è stata trovata alcuna associazione tra consumo di uova e rischio di malattie cardiovascolari tra le coorti statunitensi o le coorti europee, ma è stata osservata un'associazione inversa nelle coorti asiatiche.
 
I risultati delle tre coorti e della meta-analisi aggiornata mostrano che un consumo moderato di uova (fino a un uovo al giorno) non è associato al rischio complessivo di malattie cardiovascolari ed è associato a un rischio potenzialmente inferiore di malattie cardiovascolari nelle popolazioni asiatiche.
 

Autori: Jean-Philippe Drouin-Chartier, Siyu Chen, Yanping Li et Al.
Fonte: BMJ, 368, m513 2020 Mar 4 DOI: 10.1136/bmj.m513
Link della fonte: https://www.bmj.com/content/368/bmj.m513.long