|

PROTOCOLLO DELL'ATTIVITÀ FISICA

Una barriera all'acquisizione di uno stile di vita con adeguata attività fisica è rappresentata dal preconcetto che occorra allenarsi duramente o che un piccolo aumento nella assunzione di cibo possa annullare il guadagno ottenuto con l'esercizio. 

Poiché la maggior parte delle persone obese è inattiva, l'accostamento all'attività fisica dovrebbe essere graduale e progressivo.

Tradizionalmente, viene prescritta una singola sessione giornaliera di esercizi di intensità relativamente alta. 


Tre sessioni giornaliere della durata di 10 minuti sembrano provocare gli stessi benefìci di una singola sessione di 30 minuti.


Recenti raccomandazioni dell'American Heart Association, dell'American College of Sports Medicine e dei Centers for Disease and Healt Control enfatizzano gli effetti salutari di un'attività fisica moderata protratta per un periodo di tempo sufficientemente lungo: > 35 minuti. 

L'attività fisica eseguibile da ogni adulto è camminare: si può fare ovunque e richiede soltanto un paio di scarpe confortevoli; inoltre, la sua intensità è sopportabile dalla maggior parte delle persone obese. Ogni persona dovrebbe sviluppare un obiettivo realistico per aumentare l'attività fisica, magari con l'aiuto di un esperto: esso sarà modificato nel tempo mentre si incrementa il livello d'attività. E' ragionevole suggerire una progressione graduale sino a raggiungere l'ora di attività moderata (es.camminata veloce) ogni giorno. Non c'è bisogno che questa quantità venga ottenuta in una singola sessione: essa può essere accumulata nel corso della giornata. Chi non riesce a raggiungere questo livello d'attività fisica deve comunque ricordare che un poco di moto è meglio di nulla. 

Poiché l'aspetto fisico rappresenta la percezione cognitiva delle proporzioni del corpo e le emozioni da esse derivate, è indubbio che l'esercizio fisico, così efficace nel modificare alcuni distretti, potrebbe rappresentare un valido aiuto nel riequilibrio psicologico.  Quando il soggetto sarà più in forma e maggiormente attivo, potrà impegnarsi in attività più rigorose come il ciclismo, lo jogging o gli altri sport, raggiungendo i propri obiettivi di consumo energetico in un periodo più breve. La scelta dell'attività e dei suoi obiettivi è un problema strettamente individuale. Le persone in sovrappeso dovranno essere incoraggiate a trovare l'approccio migliore per loro e a valutare approcci diversi sino a sviluppare un programma di un'attività sostenibile.