|

La dieta combinata piace ai nutrizionisti, e anche ai pazienti!

E funziona

La personalizzazione della dieta permette di intervenire sui chili di troppo in maniera mirata, ma seguire una dieta è sempre molto complicato. Il periodo più difficile da gestire è quello dei primi venti giorni. 


Incontriamo il Dott. Matteo Piccari, medico chirurgo, specializzato in Nefrologia, Nutrizionista, Medico estetico

Dottor Piccari, lei è medico di riferimento per la Romagna per la dieta combinata Chetogenica. Di cosa si tratta?

La dieta combinata è un trattamento dimagrante che si basa sulla chetosi indotta da una assunzione limitata di carboidrati.

Gli zuccheri sono il carburante per parecchie funzioni vitali: l’organismo quando ne è carente aziona meccanismi metabolici per cui ricava il glucosio necessario da altre fonti quali aminoacidi glicogenici e glicerolo liberato tramite lisi dei trigliceridi. L'importanza della seconda sorgente aumenta progressivamente durante la condizione di chetosi.

Questo tipo di dieta, a bassi livelli di carboidrati, è una sorta di digiuno?

Per l’organismo, si. In realtà nella dieta combinata si mangia, eccome, ma si consumano alimenti a basso indice glicemico, molta verdura e carne magra, su indicazione del programma personalizzato.

Con il digiuno si perderebbe anche la massa magra, che è poi quella metabolicamente attiva, i muscoli per intenderci.  Nella dieta combinata il trattamento alimentare è integrato con Proteonorm, un supplemento proteico. L’apporto di aminoacidi e proteine, in quantità calcolate rispetto al fabbisogno del paziente, permette di raggiungere la chetosi in 48-72 ore senza assumere i grassi. La chetosi poi allevia la sensazione di fame e permette di riuscire a seguire la dieta.

Quanto dura la dieta?

Il protocollo DIETA COMBINATA CON PROTEONORM prevede 3 FASI di durata variabile secondo il giudizio del nutrizionista.

In genere la fase 1, quella di attacco, chetogenica, copre i primi 14-21 giorni. Oltre alla alimentazione con alimenti a bassi livelli di carboidrati, si prescrive la quantità di Proteonorm calcolandola in base al sesso del paziente, alla composizione corporea, al peso ideale, al peso desiderabile impostato ed al consumo energetico.


A questa fase seguiranno la fase 2, quella di mantenimento, e la fase 3, di riequilibrio metabolico, in cui il paziente verrà accompagnato all’adozione di un modello dietetico mediterraneo. 

 Qual è la sua esperienza clinica?

Il mio lavoro mi porta a trattare pazienti che presentano dal sovrappeso all’obesità grave: a ogni livello di indice di massa corporea, i pazienti rispondono benissimo a questo tipo di dieta.

Molto importante è l’efficacia nel breve periodo che è motivazionale per il paziente e evita le trasgressioni.

I vantaggi sono numerosi e evidenti: il dimagrimento rapido, la riduzione della massa grassa e delle adiposità localizzate, il mantenimento della massa magra, la diminuzione del senso di fame, nessun affaticamento o stanchezza, il miglioramento dell’umore e della consistenza cutanea, grazie proprio all’azione svolta dai corpi chetonici (energetica, euforizzante e anoressizzante).

La dieta chetogenica funziona anche per i pazienti affetti da adiposità localizzate?

Si, funziona benissimo:  la regione trocanterica per esempio, nelle donne e l’addome negli uomini e per le donne in menopausa si asciugano in maniera evidente. Questo è dovuto al fatto che l’organismo usa i grassi come fonte energetica, e quindi li consuma nelle regioni del corpo in cui sono più abbondanti.

Lei è un nefrologo: ha esperienza di tossicità renale di questo modello dietetico?

Non ho mai rilevato una sofferenza da parte dei reni nei pazienti a dieta chetogenica. Ho anche pazienti con nefropatia moderata, obesi, che hanno migliorato la funzionalità renale grazie alla perdita di peso. In questo caso, era più importante intervenire sull’obesità, dalla quale derivava la disfunzione renale.

Inoltre, la durata del trattamento è limitata nel tempo e può avvenire solo sotto stretto controllo medico.

Se un paziente volesse contattarla, dove la trova?

Collaboro da tempo con 3 Centri: 

Studio P&L Salus – Rimini

Poliambulatorio Higea Medical - Igea Marina

Centro benessere Città di Forlì –Forlì

Per chi volesse contattarmi, può scrivermi un messaggio privato tramite la mia pagina Facebook